HOT Churchly - шаблон joomla Mp3

VII Kalat Nissa Film Festival start:

Media Partner


             

 


Sponsors

Sabato, 08 Luglio 2017 16:30

“Kalat Ciak Emotion”: Premio alla carriera Kalat Nissa Film Festival a Milena Vukotic

La logica delle buone pratiche nella produzione e tutela del cinema è stato il tema centrale di “Kalat Ciak Emotion”, Seminario organizzato dall’Associazione Cinematografica e Culturale “Laboratorio dei Sogni” e patrocinata e sostenuta dalla Regione Lazio- Direzione Cultura e Politiche Giovanili - Area Arti figurative, cinema, audiovisivo e multimedialità, che si è tenuto oggia Roma, nell’eccezionale cornice della Casa del Cinema.

Il confronto dibattito, moderato da Roberto Giacobbo (Vicedirettore RAI 2), ha fatto il punto della situazione produttiva cinematografica in Italia e all’estero, puntando i riflettori su prospettive, opportunità, nuovi linguaggi, nuovi mercati e case history.

“E’ importante salvaguardare il talento creativo perché è proprio il capitale umano a essere entrato in crisi nell’industria cinematografica”. Così Pierluigi Regoli, dell’Assessorato Cultura Politiche giovanili-Regione Lazio: “Il Fondo Cinema serve proprio a questo, a finanziare ex post tutto ciò che viene prodotto nel Lazio, ma da solo non basta. La Regione Lazio ha stanziato 35 milioni di euro nella propria programmazione per lo sviluppo del settore audiovisivo, rivolto soprattutto alle produzioni estere. L’importante è stabilire un confronto costante tra gli attori del settore per dare una continuità alla programmazione degli investimenti e dare certezze ai progetti”.

Per Miriam Cipriani, direttore della Direzione regionale “Cultura e Politiche giovanili” della Regione Lazio, “a oggi, purtroppo, non è abbastanza sviluppato il concetto d’impresa culturale perché si ragiona ancora in termini di assistenzialismo. Per questo è importante rivolgere le sovvenzioni, come ad esempio il Fondo di rotazione, alla creazione d’imprese culturali che sviluppino co-produzioni, anche estere, e l’uso delle contaminazioni dei linguaggi, come ne è l’esempio questo seminario formativo”.

Camilla Cormanni, responsabile del coordinamento dei programmi culturali dell’Istituto Luce Cinecittà, ha rilevato l’importanza dello sviluppo del cinema italiano all’estero. “E’ decisivo per l’industria cinematografica italiana instaurare e consolidare rapporti con le più prestigiose istituzioni culturali del mondo. L’esperienza del Cinema Italian Style di Los Angeles, oggi anche a Seattle e Hong Kong, ne è la riprova: una vetrina del cinema italiano contemporaneo che inaugura la campagna Oscar e Golden Globe del candidato italiano all’Oscar”.

Per Valerio Toniolo (AGIS - Presidente Associazione Buonacultura - MIBACT), “è un bene parlare di buone pratiche nel cinema perché si sposta l’attenzione sulla progettualità e sui contenuti, su ciò che andiamo a finanziare. Questo, se fosse veramente attuato, potrebbe essere un passaggio epocale per i nuovi ingressi con nuova linfa per il cinema”.

Per Valerio Valla, esperto di programmi comunitari, “il finanziamento pubblico nel settore cinematografico è quanto mai necessario per la fragilità strutturale dell’industria in questione: non sempre un prodotto filmico ha quei caratteri di redditività e autosufficienza finanziaria necessari a sviluppare un progetto ma, al suo interno, potrebbe avere un carattere culturale degno di tutela da parte dei poteri pubblici. Per questo è necessario conoscere e utilizzare gli strumenti finanziari per la realizzazione di un progetto: fonti di mercato (rappresentate dal capitale aziendale, le risorse finanziarie apportate dalle case di produzione, dagli anticipi concessi dalla prevendita dei diritti dei diritti dell’opera sui cinque mercati di sfruttamento) e fonti pubbliche. Tali agevolazioni possono essere di varia natura e le più diffuse sono sovvenzioni (come quelle erogate dal Programma Comunitario Creative Europe 2014-2020) e riduzioni fiscali (come quelle introdotte dalle legge finanziaria del 2008, relativa al tax credit). Un’altra importante fonte di finanziamento è rappresentata dai fondi erogati dalle singole Regioni attraverso le Film Commission”.

“Che importanza ha il cinema nell’esistenza di ogni uomo? Questo è il primo quesito che deve farsi chi ama il cinema e desidera mettere attività cinematografiche nel proprio programma di vita. L’idea di usare il cinema per esporre dei messaggi che possono modificare atteggiamenti e comportamenti, è ormai diffusa tra gli educatori perché l’immagine ha senza dubbio un potere immediato, soprattutto con le nuove generazioni che sono native digitali”. Così il Presidente dell’Associazione Laboratorio dei Sogni, Fernando Barbieri, ha introdotto il tema dei nuovi strumenti comunicativi nell’industria cinematografica. “Uno dei modi per comprendere meglio questo concetto è capire bene cosa siano i cosiddetti “new film tools”. Essi sono dei veri e propri mezzi comunicativi che vanno dalla scrittura letteraria dei testi delle sceneggiature alla dimensione tecnico figurativa del film attraverso la loro visione, ma anche della loro realizzazione attraverso l’“editing”, la postproduzione ed infine la tutela e la distribuzione”.

Per Laura Abbaleo, che ha raccontato il Project management di un evento cinematografico e l’esperienza del Kalat Nissa Film Festival, giunto alla sua settima edizione. “Si comprende bene come sia importante oggi, forse anche più del passato, promuovere buone pratiche cinematografiche attraverso la logica della semplificazione dei decreti attuativi sul cinema e attraverso la veicolazione delle conoscenze per il reperimento di fondi e sistemi tax credit per produrre opere cinematografiche, che una volta sul commercio possano essere adeguatamente tutelate e distribuite in tutto il mondo”.

Sono intervenute alcune delle più rappresentative personalità che promuovono e tutelano il cinema italiano: Adelmo Togliani (attore, regista e Presidente Accademia Achille Togliani), Vincenzo Alfieri, (attore, regista e sceneggiatore), Roberto Cipullo (Produttore cinematografico e direttore creativo presso Camaleo s.r.l.), Giuseppe Alessio Nuzzo (Direttore generale del Social World Film Festival), Giuseppe Squillaci (regista e visual effect supervisor).

Durante il seminario è stato conferito il Premio alla Carriera Kalat Nissa Film Festival, VII edizione, all’attrice Milena Vukotic, un’icona del cinema, famosa per la sua versatilità. “Io sono qui per ricevere un premio e mi viene in mente lui. Il mio stato d’animo, con la morte del mio amico Paolo Villaggio, è molto particolare. A lui dedico questo premio: la sua maschera, che forse l’aveva un po’ imprigionato in uno schema, ha fatto sì che non si cogliesse l’immagine universale di un artista straordinario. Il premio che ricevo è un nuovo esame, in un lavoro che è un percorso continuo che mi dà ancora tanta speranza e nuove aspettative. Il paradosso dell’attore? La cosa più importante è trovarsi una sedia”.

https://www.facebook.com/Repubblica/videos/10155780030201151/?hc_ref=PAGES_TIMELINE

 

Video Wall

Milena Vukotic


Milena Vukotic
Milena Vukotic
Servizio RAI UNO  - 6° KALAT NISSA FILM FESTIVAL
Servizio RAI UNO - 6° KALAT NISSA FILM FESTIVAL
Intervista a Lajos Koltai - Il Caffè di Rai Uno dell’11 Agosto 2016 - Kalat Nissa Film Festival
Intervista a Lajos Koltai - Il Caffè di Rai Uno dell'11 Agosto 2016 - Kalat Nissa Film Festival
Tgr Regione Sicilia Sabato 16 luglio edizione delle 19.30
Tgr Regione Sicilia Sabato 16 luglio edizione delle 19.30
Promo k2016
Promo k2016
Spot bando Kalat Nissa Film Festival 2016
Spot bando Kalat Nissa Film Festival 2016

TGR Lombardia Varese
TGR Lombardia "Varese"
Special 2015
Special 2015
2015 c s
2015 c s
Promo Kalat Nissa Film Festival Eng
Promo Kalat Nissa Film Festival Eng
Special 60 secondi - Kalat Nissa FIlm Festival 2014
Special 60 secondi - Kalat Nissa FIlm Festival 2014
Speciale Kalat Nissa Film Festival 2014
Speciale Kalat Nissa Film Festival 2014

Il Catalogo

copertina catalogo 2017

Albo d'Oro/Golden list

Winner Kalat Nissa Film Festival 2017:
Eric Romero
Winner Kalat Nissa Film Festival 2013:
Mario Parruccini
Winner Kalat Nissa Film Festival 2016:
Edoardo Palma
Winner Kalat Nissa Film Festival 2012:
Riccardo Di Gerlando
Winner Kalat Nissa Film Festival 2015:
Isabella Salvetti
Winner Kalat Nissa Film Festival 2011:
Francesco Filippi
Winner Kalat Nissa Film Festival 2014:
Anna Yanovskaya